Servizio Civile Universale: pubblicato il Bando 2020/21

Il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale ha pubblicato il Bando per la selezione di 46.891 operatori volontari da impiegare in 2.814 progetti di servizio civile universale in Italia e all’Estero e nei territori delle regioni interessate dal PON-IOG “Garanzia Giovani” (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Piemonte, Puglia, Sardegna e Sicilia) relativi a 601 programmi.

In totale i posti sono così suddivisi:
458 programmi da realizzarsi in Italia per l’impiego di 39.622 operatori volontari;
31 programmi da realizzarsi all’estero per l’impiego di 605 operatori volontari;
64 programmi da realizzarsi nelle regioni interessate dal PON-IOG “Garanzia Giovani” per l’impiego di 3.552 operatori volontari.

Ogni programma può articolarsi in più progetti che possono coinvolgere differenti sedi e città.

Nello specifico, l’Associazione C.I.P.S.I – Coordinamento di Iniziative Popolari di Solidarietà Internazionale, ha ottenuto in qualità di ente capofila il finanziamento del programma “Educare alla cittadinanza globale e alla pace per difendere la Patria”, che fa capo al progetto, “La cittadinanza globale accoglie e include i più vulnerabili” .

Il progetto si sviluppa tra Albenga e Roma coinvolgendo le sedi di SJAMo,  YEPP Albenga, Migrantes Diocesana Albenga-Imperia e Provincia Romana delle Figlie della carità di S. Vincenzo de Paoli, con l’obiettivo di sostenere nuclei famigliari fragili e realizzare interventi a sostegno di giovani in condizioni di disagio e di esclusione sociale, migranti e donne sole con minori a carico.

I 6 volontari selezionati prenderanno parte alle attività delle diverse realtà associative per 12 mesi,  con un impegno settimanale di 25 ore distribuite su 5 giorni a settimana.
Il Dipartimento corrisponderà agli operatori volontari un assegno mensile di 439,50 euro netti per la durata prevista del progetto, a partire dalla data di inizio.

Gli aspiranti volontari possono inviare la propria candidatura per un solo progetto e una sola sede tramite la piattaforma DOL (a cui si accede con SPID): https://domandaonline.serviziocivile.it

Le domande di partecipazione devono essere presentate esclusivamente nella modalità on line, entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 15 febbraio 2021.

Per maggiori informazioni si invita a consultare la scheda sintetica del progetto “La cittadinanza globale accoglie e include i più vulnerabili” .

Fonte:
Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale 
www.scelgoilserviziocivile.gov.it.

 

Chi può candidarsi?

Per presentare la propria candidatura occorre:
– avere tra i 18 e i 28 anni (28 anni e 364 giorni, vale a dire 29 anni non compiuti)
– avere cittadinanza italiana, di uno Stato membro dell’Unione Europea, o di un Paese extra Unione Europea purché in possesso di regolare permesso di soggiorno
– non aver già svolto in passato il servizio civile nazionale/universale o averlo interrotto prima della scadenza prevista (fatte salve le interruzioni del servizio avvenute nel corso del 2020, a causa degli effetti dell’emergenza epidemiologica da Covid-19)
– non aver riportato condanne
– non appartenere a forze di polizia o a corpi armati.

Per ulteriori dettagli si rimanda al bando e alle schede dei singoli progetti che possono prevedere  requisiti specifici.

 

Come si presenta domanda di partecipazione?

Per presentare domanda di partecipazione al Bando di selezione di operatori volontari del Servizio civile universale è necessario accedere alla piattaforma DOL identificandosi con SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o con le credenziali fornite dal Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale.

Una volta effettuato l’accesso, la procedura guiderà alla compilazione delle tre sezioni che compongono la domanda.
Il Dipartimento ha reso disponibile un’utile guida che si consiglia di consultare per evitare errori nella compilazione.

Le candidature devono pervenire esclusivamente nella modalità on line sopra descritta, entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 8 febbraio 2021.
Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione.

 

Cosa succede dopo la presentazione della domanda?

I candidati in possesso dei requisiti di partecipazione sono chiamati a sostenere una selezione, attraverso un colloquio attitudinale e la valutazione dei titoli dichiarati in sede di presentazione della domanda.
Le  Commissioni di valutazione istituite dall’ente organizzatore prenderanno in esame le candidature pervenute, valutando eventuali titoli e esperienze curriculari pregresse.
Successivamente i candidati saranno convocati per sostenere un colloquio.
Il calendario di convocazione ai colloqui sarà pubblicato da ciascun ente almeno 10 giorni prima del loro inizio.
Al termine della procedura di selezione, sulla base dei punteggi assegnati, l’ente procederà alla pubblicazione delle graduatorie da cui saranno identificati gli operatori volontari che prenderanno parte al progetto.

 

Quando avviene l’avvio in servizio dei volontari?

La data di avvio in servizio degli operatori volontari è differenziata per i diversi progetti e viene stabilita tenendo conto del termine delle procedure di selezione e di compilazione delle graduatorie. L’avvio in servizio dovrà in ogni caso avvenire entro il 30 settembre 2021. 

Ciascun candidato idoneo selezionato, accedendo all’area riservata del sito del Dipartimento attraverso SPID o con le credenziali ricevute per accedere alla piattaforma DOL, scarica, per la sottoscrizione, il contratto di Servizio civile firmato dal Capo del Dipartimento. Nel contratto troverà indicati la sede di assegnazione, la data di inizio e fine servizio, le condizioni economiche e gli obblighi di servizio.

 

Servizio Civile Universale: programmi finanziati da realizzarsi in Italia e all’estero

Nel Decreto del Capo del Dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio civile universale n. 881/2020 del giorno 11 dicembre 2020, sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale sono stati individuati i programmi di intervento di servizio civile universale finanziati con le risorse del Fondo nazionale per il servizio civile e con gli stanziamenti del Programma operativo nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani”, che attua la Garanzia Giovani in Italia, definiti dal Documento di programmazione finanziaria per il 2020 e sua successiva nota di variazione.

Per quanto riguarda il CIPSI e gli enti di accoglienza ad esso collegati, tra cui SJAMo, si comunica che sono stati finanziati 18 progetti su 20 presentati.

Nei prossimi giorni è prevista l’uscita del Bando di selezione degli operatori volontari.

Progetti finanziati e posizioni ASSOCIAZIONE CIPSI:

6° posto. Programma Brasile con CESC PROJECT: “Coltivare speranza: inclusione e sostenibilità in Brasile”. Tot. 4 progetti. Punteggio: 83.3.

N. 1 progetto CIPSI, tot. 4 volontari.

– “Agricoltura sostenibile e ‘fame zero’ nella regione dello Jequitinhonha” – Brasile, Ente: CEVI, n. 4 volontari.

16° posto. Programma Madagascar con FVGS: “Uniti per lo sviluppo: educazione, salute e nutrizione in Madagascar”. Tot. 3 progetti. Punteggio: 81.3

N. 2 progetti CIPSI. Tot. 9 volontari.

– “Ananambo, semi di vita: salute e nutrizione a Fianarantsoa in Madagascar”, Ente: Alfeo Corassori – La Vita per Te, n. 5 volontari.

– “Semi per nutrire. Lotta alla malnutrizione materno-infantile a Itasy”, Madagascar, Ente: Change onlus, n. 4 volontari.

17° posto. Programma CIPSI in SENEGAL con Movi: “Promuovere l’inclusione sociale delle fasce più vulnerabili per uno sviluppo sostenibile in Senegal”. Tot. 4 progetti. Punteggio: 81.0

N. 3 progetti CIPSI. Tot. 18 volontari.

– “Disabilità e inclusione: pari opportunità per tutte le donne di Pikine Est”, Enti: Chiama l’Africa e Oghogho Meye, n. 5 volontari.

– “Emergenza Scuola a Pikine Est”, Enti: Chiama l’Africa ed Energia per i Diritti Umani, n. 5 volontari.

– “Osservatorio per la lotta alle malattie della povertà”, Enti: Energia per i Diritti Umani e Diritti al Cuore, n. 8 volontari.

ASSOCIAZIONE CIPSI:

58° posto. Programma CIPSI: “Il cantiere dell’integrazione dei migranti”. Tot. 3 progetti. Punteggio: 89.0

N. 3 progetti CIPSI. Tot. 14 volontari

– “Costruire comunità solidali coi migranti”, Enti: AMU, AFN, Cercasi un Fine, n. 6 volontari.

– “Benvenuti, minori migranti!”, Enti: CIPSI, Altramente, n. 4 volontari

– “Program 4 Integration Migrants (P4IM)”, Ente: Fondazione Soleterre, n. 4 volontari

322° posto. Programma CIPSI con Caritas italiana: “Educare alla cittadinanza globale e alla pace per difendere la Patria”. Tot. 10 progetti. Punteggio: 79.3

N. 9 progetti CIPSI. Tot. 49 volontari.

– “Giovani Costruttori di Pace”, Enti: Agenzia per la Pace, CIPSI, n. 6 volontari

– “La nostra agenda 2030: promuovere comunità solidali e sostenibili”, Enti: Incontro Fra i Popoli, GMA-Gruppo Missioni Africa, CE.SVI.TEM, n. 8 volontari

– “Percorsi di educazione civile alla Pace”, Ente: CEVI, n. 4 volontari

– “Facciamo la differenza senza fare differenze”, Ente: CIAI, n. 4 volontari

– “Peace speech – Parole di Pace”, Enti: Emergency e Associazione CREA, n. 5 volontari

– “Giovani, Pace e Cittadinanza Attiva II”, Ente: COSPE, n. 6 volontari

– “L’ECG per contrastare la povertà educativa e l’emarginazione”, Ente: People Help the People, n. 4 volontari

– “La cittadinanza globale accoglie e include i più vulnerabili”, Ente: Sjamo, n. 6 volontari

– “Se ciascuno di noi facesse il suo pezzettino: così Emergency costruisce la Pace nelle scuole, Ente: Emergency, n. 6 volontari

Allegati:

Programmi finanziati da realizzarsi in Italia
Programmi finanziati da realizzarsi all’estero

SJAMo e Passione Vintage: insieme per un Natale solidale

Ogni anno, a Natale, l’associazione Sjamo organizza iniziative per fare in modo che questa Festa sia anche l’occasione per portare un aiuto concreto a chi ne ha più bisogno ed in particolare ai bambini in difficoltà in diversi paesi nel mondo. Sappiamo che a Natale 2020 sarà molto difficile organizzare mercatini, pesche di beneficenza, tombolate, o comunque incontri in presenza, abbiamo quindi pensato a qualcosa di diverso e quest’anno, per la prima volta, l’associazione SJAMo metterà in vendita online degli oggetti.
Il ricavato della vendita verrà utilizzato per sostenere i progetti di cooperazione in aiuto ai bambini meno fortunati che sono ancora negli Istituti di Bulgaria, Colombia, Albania.

Abbiamo chiesto ospitalità alla pagina Facebook:

https://www.facebook.com/PassioneVintageGioie

ideata da mia sorella Cinzia Romano, che si è resa disponibile ad ospitarci all’interno di una pagina dedicata alla vendita di oggetti “vintage”.

 

Qui sarà possibile richiedere degli oggetti che sono stati donati da Maria Pia Esposito, fondatrice dell’Ente SJAMo, che rimarrà sempre nei cuori di chi ha avuto l’occasione di conoscerla.

 

 

Ci auguriamo che questa pandemia che ci ha costretti a stare lontani fisicamente possa almeno tenerci vicini nel dare una mano, da lontano, a chi ne ha bisogno, in questo periodo ancora più degli anni passati.

Vi chiedo di coinvolgere in questa iniziativa benefica più persone possibili così da poter donare un sorriso ai bimbi meno fortunati. Vi prego quindi di aiutarmi/ci a far conoscere questa pagina, invitando ognuno i propri amici.

Per effettuare la richiesta, una volta individuato l’oggetto e/o gli oggetti, si può scegliere tra diverse modalità:

commentare il post relativo all’oggetto sulla pagina https://www.facebook.com/PassioneVintageGioie
inviare una e-mail a sjamo.roma@tiscali.it
inviare un messaggio via WhatsApp al 347 3736268

La donazione avviene attraverso PayPal (se per qualcuno è più comodo possiamo anche organizzarci per il pagamento con bonifico bancario/postale).
Gli oggetti verranno spediti tramite corriere, con spedizione gratuita per importi pari o superiori ad Euro 50,00.

Colgo l’occasione per RINGRAZIARE tutte le persone che ci aiutano a portare avanti le attività della SJAMo: dalle Suore che ci ospitano nella sede nel centro di Roma, agli amici e volontari, alle coppie; solo insieme siamo riusciti in questi anni a rendere possibile la sopravvivenza della nostra sede di Roma.

Auguro una buona giornata e GRAZIE a tutti.

Francesca

Servizio Civile Universale: graduatorie provvisorie dei Programmi d’intervento all’estero e in Italia

Si comunica che sul sito del Dipartimento sono state pubblicate le graduatorie provvisorie per i programmi d’intervento da realizzarsi in Italia, per i programmi d’intervento da realizzarsi all’estero e per i programmi d’intervento PON-IOG “Garanzia Giovani”, presentati in risposta all’Avviso del 23 dicembre 2019 con scadenza 29 maggio 2020 e positivamente valutati.

Per quanto riguarda il CIPSI e gli enti di accoglienza collegati, tra cui SJAMo, tutti i Programmi e progetti presentati sono presenti in graduatoria, nessuno è stato escluso o dichiarato inammissibile. A seguire presentiamo le posizioni.

GRADUATORIA ESTERO. Tot. 67 Programmi presentati.

Posizioni ASSOCIAZIONE CIPSI:

6° posto. Programma Brasile con CESC PROJECT: “Coltivare speranza: inclusione e sostenibilità in Brasile”. Tot. 4 progetti. Punteggio: 83.3.

N. 1 progetto CIPSI, tot. 4 volontari.

– “Agricoltura sostenibile e ‘fame zero’ nella regione dello Jequitinhonha” – Brasile, Ente: CEVI, n. 4 volontari.

17° posto. Programma Madagascar con FVGS: “Uniti per lo sviluppo: educazione, salute e nutrizione in Madagascar”. Tot. 3 progetti. Punteggio: 81.3

N. 2 progetti CIPSI. Tot. 9 volontari.

– “Ananambo, semi di vita: salute e nutrizione a Fianarantsoa in Madagascar”, Ente: Alfeo Corassori – La Vita per Te, n. 5 volontari.

– “Semi per nutrire. Lotta alla malnutrizione materno-infantile a Itasy”, Madagascar, Ente: Change onlus, n. 4 volontari.

18° posto. Programma CIPSI in SENEGAL con Movi: “Promuovere l’inclusione sociale delle fasce più vulnerabili per uno sviluppo sostenibile in Senegal”. Tot. 4 progetti. Punteggio: 81.0

N. 3 progetti CIPSI. Tot. 18 volontari.

– “Disabilità e inclusione: pari opportunità per tutte le donne di Pikine Est”, Enti: Chiama l’Africa e Oghogho Meye, n. 5 volontari.

– “Emergenza Scuola a Pikine Est”, Enti: Chiama l’Africa ed Energia per i Diritti Umani, n. 5 volontari.

– “Osservatorio per la lotta alle malattie della povertà”, Enti: Energia per i Diritti Umani e Diritti al Cuore, n. 8 volontari.

35° posto. Programma CIPSI in Asia con Cesc Project: “Educare alla vita e sviluppo della resilienza comunitaria in Asia”. Tot. 2 progetti. Punteggio: 77.5

N. 1 progetto CIPSI. Tot. 4 volontari.

-“Mai Soli – Sostegno all’infanzia vulnerabile in Cambogia”, Ente: CIAI, n. 4 volontari.

45° posto. Programma Tanzania con CESC Project: “Karibuni Tanzania: al fianco di bambini, donne e disabili”. Tot. 3 progetti. Punteggio: 75.0

N. 1 progetto CIPSI. Tot. 6 volontari

-“Pi.Po – Pink Power”, Tanzania, Ente: Tulime onlus, n. 6 volontari.

 

GRADUATORIA ITALIA. Tot. 775 Programmi presentati

ASSOCIAZIONE CIPSI:

58° posto. Programma CIPSI: “Il cantiere dell’integrazione dei migranti”. Tot. 3 progetti. Punteggio: 89.0

N. 3 progetti CIPSI. Tot. 14 volontari

– “Costruire comunità solidali coi migranti”, Enti: AMU, AFN, Cercasi un Fine, n. 6 volontari.

– “Benvenuti, minori migranti!”, Enti: CIPSI, Altramente, n. 4 volontari

– “Program 4 Integration Migrants (P4IM)”, Ente: Fondazione Soleterre, n. 4 volontari

322° posto. Programma CIPSI con Caritas italiana: “Educare alla cittadinanza globale e alla pace per difendere la Patria”. Tot. 10 progetti. Punteggio: 79.3

N. 9 progetti CIPSI. Tot. 49 volontari.

– “Giovani Costruttori di Pace”, Enti: Agenzia per la Pace, CIPSI, n. 6 volontari

– “La nostra agenda 2030: promuovere comunità solidali e sostenibili”, Enti: Incontro Fra i Popoli, GMA-Gruppo Missioni Africa, CE.SVI.TEM, n. 8 volontari

– “Percorsi di educazione civile alla Pace”, Ente: CEVI, n. 4 volontari

– “Facciamo la differenza senza fare differenze”, Ente: CIAI, n. 4 volontari

– “Peace speech – Parole di Pace”, Enti: Emergency e Associazione CREA, n. 5 volontari

– “Giovani, Pace e Cittadinanza Attiva II”, Ente: COSPE, n. 6 volontari

– “L’ECG per contrastare la povertà educativa e l’emarginazione”, Ente: People Help the People, n. 4 volontari

– “La cittadinanza globale accoglie e include i più vulnerabili”, Ente: Sjamo, n. 6 volontari

– “Se ciascuno di noi facesse il suo pezzettino: così Emergency costruisce la Pace nelle scuole, Ente: Emergency, n. 6 volontari

———————–

Le graduatorie provvisorie, predisposte sulla base dei punteggi attribuiti dalla Commissione per la valutazione dei programmi di intervento e progetti di servizio civile universale nominata con Decreto n. 477 del Capo del Dipartimento in data 16 giugno 2020, sono pubblicate sul sito internet del Dipartimento ai sensi e per gli effetti del paragrafo 6 della Circolare del 9 dicembre 2019 recante “disposizioni per la redazione e la presentazione dei programmi di intervento di servizio civile universale – criteri e modalità di valutazione”.

In particolare per i programmi di intervento PON-IOG “Garanzia Giovani” sono state redatte 9 diverse graduatorie in funzione della regione interessata (Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia), della misura scelta (per tutti “misura 6 –  servizio civile Italia” in quanto nessun ente ha presentato programmi di intervento per la “misura 6bis –  servizio civile UE”) e dell’asse di riferimento che individua il target (“asse 1 –  neet” e “asse 1 – bis disoccupati”)

Qualora gli enti avessero osservazioni motivate in merito ai punteggi attribuiti ai propri programmi d’intervento e ai progetti ad essi associati inseriti nelle suddette graduatorie, il cui dettaglio è accessibile nell’area riservata ente dello stesso sito, possono farle pervenire, esclusivamente mediante Posta Elettronica Certificata (PEC), entro e non oltre il 20 novembre 2020, al seguente indirizzo: giovanieserviziocivile@pec.governo.it. L’oggetto della comunicazione dovrà essere: “OSSERVAZIONI GRADUATORIA 2020”.

Si precisa che i programmi di intervento e i progetti ad essi associati non inseriti nelle citate graduatorie sono stati dichiarati inammissibili o esclusi dalle graduatorie ed i relativi provvedimenti saranno inviati ai rispettivi enti via PEC entro il termine previsto per la conclusione del procedimento di valutazione.

Resta fermo il diritto di accedere agli atti del procedimento di valutazione da parte degli enti interessati ai sensi della legge n.241/90 e successive modificazioni ed integrazioni.

Si allegano le graduatorie provvisorie Italia ed Estero:

Graduatorie provvisorie Italia
Graduatorie provvisorie Estero

CIPSI: “BASTA AI TANTI PINOCCHIO DELLA POLITICA ITALIANA”

Comunicato Stampa

Decreto rilancio e Servizio Civile Universale

CIPSI: “BASTA AI TANTI PINOCCHIO DELLA POLITICA ITALIANA”

Guido Barbera, presidente del Cipsi- coordinamento di 37 associazioni di solidarietà e cooperazione internazionale-, con 52 enti di accoglienza per il Servizio Civile Universale collegati al Cipsi- in riferimento agli emendamenti ritirati dal Decreto Rilancio ha dichiarato: “Dopo le tante belle parole e promesse di presidenti e ministri, dopo sette emendamenti di tutti i partiti a sostegno del Servizio Civile Universale italiano, i fatti in aula hanno smascherato la triste realtà di un paese dove i parlamentari non rappresentano le istanze della società civile e le loro parole non hanno più alcuna credibilità. Non ci meritiamo questo. I giovani del Servizio Civile Universale sono la testimonianza più bella ed autentica della difesa dei valori positivi della nostra Patria. Invece di spendere miliardi assurdi in armi per uccidere, date al nostro paese le risorse per l’educazione, le scuole, la salute, il lavoro e la difesa della patria costruendo solidarietà e convivenza. Se non ne siete capaci, almeno non fate promesse da Pinocchio.”

Roma, 6 luglio 2020

Ufficio Stampa Cipsi, Nicola Perrone, ufficiostampa@cipsi.it, M 329 0810937
https://cipsi.it/2020/07/cipsi-basta-ai-tanti-pinocchio-della-politica-italiana/?preview=true&_thumbnail_id=18223

In memoria di Davide Ausenda: raccolta fondi di sostegno al Centro di Accoglienza di Miabi

Gli amici lo ricordano…

Davide, era un grande amico, una persona intelligente, gentile, disponibile, paziente, ragionevole, simpatica, essenziale e soprattutto umile, una rarità.
Ottimo padre, marito, figlio, fratello, un ottimo collega di lavoro… e amico.
Impossibile non volergli bene.

La pensano così tutte le persone che lo hanno conosciuto e frequentato in questi lunghi anni, tutti attoniti e disperati per questa immensa tragedia senza ragioni.
Aveva solo 53 anni.
Dobbiamo sfruttare ogni momento che ci è dato, proprio come faceva lui. Dando importanza solo alle cose che lo meritano veramente e tralasciando tutte le cavolate.
Fare tesoro di tutto quello che ci ha insegnato con il suo modo di essere e rapportarsi con la famiglia e gli amici.
Ci mancherà moltissimo e non lo dimenticheremo mai.

Un abbraccio fortissimo alla Mamma Bruna, ad Elena che dovrà essere sempre fiera di avere avuto un papà così, a Donatella donna meravigliosa (ed ironica), al fratello Alberto, alla sorella Mariangela e a tutti i suoi cognati e nipoti, nonché ai suoi amici.

L’associazione SJAMo è vicina alla famiglia Ausenda in questo momento di profondo dolore con la preghiera.

In memoria di Davide, la famiglia e gli amici hanno avviato una raccolta fondi destinata a sostenere le attività scolastiche e la mensa per i circa 400 bambini ospiti del Centro di Accoglienza di Miabi (Congo).

Le donazioni per il progetto “Sostegno al Centro di Accoglienza di Miabi” possono essere indirizzate a:

Associazione SJAMo – Sao José Amici nel Mondo

Banco Posta – Albenga

C/C: Postale n.  16556177

IBAN: IT98 T076 0110 5000 0001 6556 177

Causale:  In memoria di Davide-Sostegno al Centro di Accoglienza di Miabi

 

Rafael per Sofia

Ringraziamo di cuore tutti coloro che hanno aderito al progetto “Rafael per Sofia”, in primis mamma Angela e papà Paolo che con questo progetto hanno voluto ricordare la prematura scomparsa del loro amato figlio Rafael, ai quali ci stringiamo nuovamente con la più sentita vicinanza e gratitudine.

I nostri Ringraziamenti vanno, contestualmente, a:
Cristina e Riccardo, Camilla, Marco e Claudia, Lucia, Pasquale, Angela, Barbara, Luca, Laura e Carlo, Federico, Angela, Marcella e Eugenio, Sara e Antonio,  Mariangela e tutti gli altri amici che hanno sostenuto questo progetto.

 

Grazie alle Vostre donazioni, la Sjamo contribuisce a migliorare la vita di Sofia, una bimba sudamericana con “bisogni speciali”, di cui Vi raccontiamo la storia:

Sofia è una bambina di 3 anni, nata nella Repubblica Colombiana all’interno di una famiglia che non è mai riuscita a prendersi cura di lei, a causa di una situazione socio economica particolarmente deficitaria.

Sin dai suoi primi istanti di vita, Sofia è stata presa in carico dalle istituzioni colombiane attraverso il “Programma di Protezione Minorile” e, a pochi giorni di età, collocata presso una famiglia affidataria sostitutiva “professionale”, selezionata dalle autorità competenti.

I genitori di Sofia non le hanno mai fatto visita.
Aldilà di poche, sporadiche visite iniziali, da parte di uno zio, nessuno dei suoi familiari si è presentato presso le strutture in cui è stata accolta Sofia, lasciandola di fatto alle esclusive “cure” istituzionali, e determinandone pertanto la successiva messa in “Stato di Adottabilità”, dopo circa un anno dalla sua nascita.

A Sofia è stata diagnosticata una Sindrome genetica estremamente rara e poco nota, la cui sintomatologia è stata studiata su pochi casi in tutto il mondo. Tale sindrome si manifesta con deficit nella crescita fisica e cognitiva.

Attraverso il materiale forniteci, quali relazioni cliniche e tecniche del personale specialistico che ne ha assunto le cure, emerge il ritratto di una bambina vispa e affettuosa, volonterosa e partecipe rispetto alle attività terapeutiche cui è sottoposta.

Ognuno di questi documenti descrive una bambina attiva e reattiva, nettamente orientata al miglioramento rispetto ai propri deficit.

Sofia necessita di un costante supporto logopedico, psicomotorio e psicoterapico, più volte a settimana, poiché attraverso le stimolazioni terapeutiche il suo sviluppo e la sua qualità di vita si profilano verso scenari di netto allineamento con i suoi coetanei.

La Sjamo, si è fatta carico di assicurare a Sofia le cure necessarie a supportarne la crescita, motoria e cognitiva, grazie alle quali sarà più semplice trovare una Famiglia che la accolga.

Dopo aver reso noto alle autorità la propria disponibilità ad assumere gli oneri della terapia necessaria a Sofia, tali da garantirle una cura funzionale non solo al suo sviluppo, bensì alla realizzazione di un Progetto Adottivo.

La Sjamo ha più volte interrogato gli specialisti che hanno in cura la piccola: da ogni visita medica sono emersi pareri confortanti, che descrivono il profilo di una bimba affettuosa, e piena di risorse, con buoni presupposti di adattamento e sviluppo della sua qualità di vita futura.

GRAZIE al Vostro Sostegno, importantissimo per Sofia e per la Sjamo,  sono stati raccolti fondi sufficienti a garantirle gli interventi clinici e terapeutici per un periodo, stimato, di circa due anni a partire da oggi.

GRAZIE a Voi, la piccola Sofia può continuare a ricevere il supporto necessario e partecipare a programmi riabilitativi di tipo fono-audiologico.

GRAZIE alla Vostra Partecipazione, la nostra Speranza di trovare presto una famiglia per Sofia è più viva e i presupposti di veder realizzato il sogno di un Progetto Adottivo per Sofia sono oggi migliori.

 

Per maggiori informazioni:

Associazione SJAMo – Sao Josè Amici Nel Mondo
Sede di ALBENGA
Via Lungocenta C.B. n. 12 – Albenga (SV)
Tel.: (+39) 0182 51854
Cell.: (+39) 346 66 27 482
Mail: sjamo.ong@gmail.com

Progetto Senegal: fornitura di equipaggiamenti per cooperativa di mamme

In Senegal SJAMo in collaborazione con l’associazione CLMC (Comunità Laici e Missionari Cattolici) ha avviato un progetto a tutela dei diritti dell’infanzia attraverso il sostegno dell’occupazione femminile.

Le donne hanno un ruolo centrale nella gestione della famiglia e nello sviluppo dell’economia locale: sono loro a occuparsi dell’educazione e della cura dei bambini, quanto della coltivazione dei campi, della trasformazione dei prodotti agricoli e della loro commercializzazione. In un contesto generale caratterizzato da problemi di basso reddito, sottooccupazione, difficoltà di approvvigionamento delle derrate alimentari di base, cronico nella stagione secca, sostenere le madri nelle attività lavorative significa sostenere l’economia locale e prevenire l’abbandono dei minori.

Nel quartiere che si è sviluppato intorno alla Parrocchia St. Anne di St. Louis una cooperativa agricola forma e dà lavoro a 30 donne.
E’ un luogo di socializzazione per l’intera comunità comunità e uno luogo di confronto particolarmente importante per le donne, che qui possono trovare uno spazio privilegiato per parlare di maternità  e di famiglie.
L’obiettivo del progetto è dotare la cooperativa di due macchinari semplici: una seccatrice solare ed una macchina per confezionare sottovuoto i prodotti agricoli già seccati per una migliore conservazione. Saranno poi le donne della cooperativa ad occuparsi della futura manutenzione.

Leggi la descrizione del progetto

Per maggiori informazioni:

Associazione SJAMo – Sao Josè Amici Nel Mondo
Via Lungocenta C.B. n. 12 – Albenga (SV)
Tel.: (+39) 0182 51854
Cell.: (+39) 347 41 46 640
Mail: sjamo.ong@gmail.com

Servizio Civile Nazionale 2018

Il bando regionale della SJAMo apre due posti per il progetto “Un cammino condiviso 2018“.
Clicca qui per prendere visione del progetto.
Possono presentare la propria candidatura i ragazzi e le ragazze che abbiano fra i 18 e i 28 anni compiuti (28 anni e 364 giorni) al momento della presentazione della domanda.
Per maggiori informazioni e per scaricare la modulistica relativa alla domanda di partecipazione clicca qui.

Data di scadenza per la presentazione delle domande: 28 settembre 2018

tramite pec o raccomandata a/r entro le 23:59  
consegna a mano entro le 18:00

 

Referente del progetto: Claudio Leucci

Associazione SJAMo – Sao Josè Amici Nel Mondo
Via Lungocenta C.B. n. 12 – Albenga (SV)
Tel.: (+39) 0182 51854
Cell.: (+39) 347 41 46 640
Mail: sjamo.ong@gmail.com
 Sjamo Ong